Ritrova la tua concentrazione con la tecnica del pomodoro!

Prendi uno studente universitario che non riesce a stare cinque minuti sui libri e immaginatelo dopo vent’anni alla guida di un’azienda che si occupa proprio di gestire la concentrazione!

Il suo nome è Francesco Cirillo. Come lui stesso racconta in questa intervista, sul finire degli anni ottanta prese un timer e sfidò sé stesso a restare concentrato fino al trillo della campanella (a quel tempo non c’erano gli smartphone).

La Tecnica del Pomodoro

A che serve ripeterlo: le giornate sembrano non bastarci più! In ventiquattro ore se ne vanno ben 1440 minuti. Un terzo ne spendiamo per dormire, altri per cose da niente tipo mangiare, lavarsi, andare su Facebook…

Ma sono tanti i minuti che sprechiamo e, spesso, arriviamo a fine giornata che ci sembra di non aver ancora fatto nulla!

Ho già detto in passato che dovremmo rivalorizzare i tempi morti: quelle mezzorette isolate tra un impegno e l’altro che non sappiamo come impiegare.

E’ qui che entra in gioco la Pomodoro Technique, Tecnica del Pomodoro… comunque la metti di pomodoro si tratta, o, meglio, di quei timer a forma di pomodoro che un tempo si trovavano in cucina.

Perché secondo la leggenda è tutto iniziato da lì.

Ma bando alle ciance! Vuoi veramente sfruttare i tuoi momenti morti e raggiungere prima i tuoi traguardi (ecco un articolo che ti aiuta a pianificarli nel medio periodo)?

Bene, allora vediamo come applicare la Pomodoro.

  1. Prendi un timer
  2. Impostalo a 25 minuti;
  3. Focalizzati sul compito che devi svolgere fino allo scadere del tempo senza permettere alcuna distrazione.
    In particolare, evita

    1. Le chiamate;
    2. I messaggi;
    3. Gli scassaminchia;
    4. I social;
  4. Passati i 25 minuti segna su un foglio il completamento del tuo primo pomodoro (una x in un quadratino può essere sufficiente) e concediti una breve pausa.
  5. Ripeti i punti dall’uno al quattro per altre tre volte.
  6. Concediti una pausa più lunga.

Tecnica del Pomodoro

Un gioco da ragazzi

Come vedi, è tanto semplice da sembrare un’idiozia, eppure il cervello ci casca, e con uno stratagemma da seconda elementare riusciamo a migliorare notevolmente la gestione del nostro tempo.

L’ideatore della Pomodoro Tecnique, inoltre, assicura che dopo qualche settimana di pratica riusciremo a programmare ogni lavoro non più in base alle ore che potremmo impiegare per portarlo a termine, bensì suddividendolo in pomodori.

Mi auguro che ormai tu abbia capito che quei piccoli intervalli di tempo che ti sembrano tanto inutili sono in realtà la tua risorsa più importante.

Con la Pomodoro Tecnique possiamo trasformare questi scampoli nell’abito più bello di tutto il guardaroba.

Tutto sta a pianificare in anticipo di quanti pomodori avremo bisogno e trovarci pronti, quando arriverà il momento, di addentarne il primo!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *